stand for ukraine
Barilla mantiene la produzione in russia

Barilla continua a produrre pasta in russia

Se vi è mai capitato di essere all’estero e di parlare con qualche “local”, sicuramente avrete sentito la frase “Ah, Italia…pizza, pasta e Berlusconi!”. Può piacere o non piacere, ma è così. Bene, se di almeno due di queste tre cose potevamo andarne fieri, ora anche questa certezza si sta incrinando in quanto il brand più famoso in assoluto tra i produttori italiani di pasta, Barilla, mantiene con fermezza la sua produzione all’interno dello stato aggressore russo.

Nonostante la guerra continui, sul fronte Barilla tutto tace

Dopo il silenzio iniziale all’invasione russa dell’Ucraina, mentre altri grandi gruppi imprenditoriali cominciavano già a fare le valigie dalla russia, Barilla invece confermava in un comunicato stampa la sua precisa volontà di rimanere attiva nel suo stabilimento nelle vicinanze di mosca, pur “monitorando costantemente la situazione”. Ovvero per ora ci fingiamo morti per non farci del male, poi si vedrà.
Il “poi si vedrà” però non si è mai visto, dato che la situazione nel corso di tutti questi mesi non ha portato ad una soluzione del conflitto, ma ad un aggravarsi degli attacchi russi sul suolo ucraino, con la conseguente carneficina tra militari e civili, distruzione di strutture energetiche che hanno costretto gli ucraini ad un inverno al freddo e al buio ed un numero imprecisato di crimini di guerra che si stanno accumulando sulla scrivania del procuratore della Corte Penale Internazionale.
Nonostante tutte queste evidenze, Barilla non ha proferito parola sull’argomento.
L’azienda italiana non è ovviamente l’unica ad aver fatto questa scelta, qui abbiamo già messo in evidenza grandi brand che hanno deciso di restare in russia e che sono dichiarati sponsor della guerra, nonostante le pressioni di organizzazioni come B4Ukraine e Leave Russia.

Il comunicato di Barilla

Il comunicato da parte di Barilla in cui si annunciava la sospensione degli investimenti in russia, pur mantenendo la produzione di pasta, va a braccetto con il comunicato di Ferrero (per i pochi che ancora non lo sanno l’azienda produttrice di Nutella) in cui si diceva “ci dispiace per quello che sta succedendo in Ucraina, riduciamo gli investimenti, ma manteniamo attiva la produzione a mosca”.
Sempre nella loro dichiarazione del 6 Settembre 2022, come nel caso di Ferrero (sembra una situazione fotocopia), viene posto un accento particolare sulla loro donazione in favore dell’Ucraina ad inizio conflitto, qualche tonnellata di pasta e 1 milione di euro in donazione a vari enti caritatevoli. Successivamente il nulla cosmico sull’argomento.

Cosa vuol dire mantenere la produzione Barilla in russia

sito web barilla russia
Il sito web di Barilla in russia. Come se nulla fosse cambiato.

Mantenere la produzione e la vendita locale in russia per un colosso del calibro di Barilla, pur dichiarando di non trarre profitto dalle attività sul suolo russo, significa comunque pagare un quantitativo importante in tasse al cremlino. Questi rubli si trasformano quasi immediatamente in armi letali schierate in prima linea in Ucraina contro i difensori dell’esercito e contro i civili. Non importa che Barilla non ne tragga vantaggio, chi in questo caso ne sta guadagnando è sicuramente il criminale internazionale putin.
Anche assicurare lavoro e stipendio ai dipendenti del loro stabilimento russo significa fare la propria parte per vanificare gli effetti delle sanzioni occidentali contro il regime del cremlino, sostenendo l’economia russa a differenza di altri grandi brand che hanno deciso con una scelta etica di ritirarsi e vendere i propri assets russi.

I prodotti Barilla (ci sono anche le merendine Mulino Bianco)

Barilla Mulino Bianco sponsor guerra
Alcuni brand di Barilla Group tra cui spiccano i prodotti Mulino Bianco

Barilla non produce solo pasta, che ovviamente è il suo punto forte. Sempre con il marchio Barilla vengono prodotti e venduti sughi pronti, farine e cereali, ma non è tutto.
Barilla Group possiede altri marchi famosissimi, come Mulino Bianco, Pavesi e Pan di Stelle. Sempre invece per il settore della pasta ricordiamo il brand Voiello, diffusissimo nei nostri supermercati.

Cosa possiamo fare noi consumatori

Premesso che se Barilla non ha preso una netta posizione filo-Ucraina in questi mesi, difficilmente domani deciderà di seguire gli esempi virtuosi di altre multinazionali e lasciare definitivamente la russia come mercato di vendita e produzione dei suoi prodotti. La scelta ricade su noi consumatori, gli unici attori di questa sceneggiata in grado effettuare delle scelte etiche e sostenibili, senza continuare ad armare l’esercito del cremlino.

Potrebbe interessarti anche
Lactalis (Galbani, Parmalat) continua a lavorare in russia
lactalis galbani parmalat russia

Lactalis, proprietaria di Galbani e Parmalat, nonostante l'evidenza degli orrori della guerra scatenata dalla russia in Ucraina continua a fare business as usual con il cremlino.

Leroy Merlin sponsor della guerra
Leroy Merlin business as usual in russia

Leroy Merlin è stato indicato dal governo ucraino come sponsor della guerra. Nonostante ciò continua a fare affari con il cremlino

#MilkaNoMore, messaggio di protesta a Mondelez da Berlino
#MilkaNoMore manifestazione berlino per Ucraina

Domenica 26 Novembre 2023 si terrà a Berlino una manifestazione in segno di protesta contro Mondelez (produttrice dei prodotti Milka) che continua a fare affari con mosca.

Leave Russia, il sito per monitorare le aziende che ancora operano in russia
Leave russia

Leave Russia è un utile strumento con tutte le informazioni sulle aziende che ancora continuano a lavorare in russia e su quelle che sono uscite.