stand for ukraine
nicolai lilin propaganda russa danilov fake

Breve storia triste sulla propaganda di Nicolai Lilin

Da non perdere

I ragazzi di una scuola di Milano usati come cavie per la propaganda russa

In una scuola di Milano è stata organizzata una messinscena vomitevole con i giovani studenti usati come cavie da laboratorio per la propaganda russa. Era evitabile? Sì. Lo abbiamo evitato? No...

Il programma elettorale di Santoro è un delirio putiniano

Il delirante programma elettorale della lista di Santoro Pace Terra Dignità ha una strana ossessione per l'Ucraina e sembra scritto da putin in persona...

Il mondo è cambiato, è l’ora di un’evoluzione di pensiero o siamo fritti

Il mondo è cambiato, è inutile cercare di restare alle stesse regole pre-COVID e pre-guerra, ci faranno solo essere le vittime sacrificali dei nuovi regimi, che stanno osando sempre di più...

Colpo grosso dello scrittore Nicolai Lilin all’indomani dell’attentato al teatro Crocus City Hall di Mosca. La delusione per la rivendicazione dell’attentato da parte dell’ISIS deve essere molto forte in certi ambienti, quindi et voilà, Lilin estrae il coniglio dal cilindro.

Video fake di Danilov spacciato come vero da Nicolai Lilin

Su X (ex Twitter) Nicolai Lilin ha condiviso un illuminante video che ha finalmente rivelato la “verità”. Nella clip, condivisa inizialmente dalla regina della propaganda russa Skaabeva sulla televisione di stato russa, second Lilin si vedrebbe Danilov, segretario del consiglio di sicurezza ucraino, ammettere che dietro l’assalto al Crocus City Hall ci sarebbe proprio Kyiv. Tra l’altro, nella traduzione del video non viene assolutamente detto da Danilov che l’Ucraina sia dietro all’attentato, semplicemente verrebbe espresso compiacimento per quello che è successo. Come partendo da quelle parole (pure riportate nell’immagine da lui postata!!!) sia arrivato a concludere che “l’Ucraina sia coinvolta nell’attentato” è troppo contorto per me da potervelo spiegare. Non c’è alcun nesso logico.

In ogni caso il video in questione è un montaggio di diverse clip e da un deepfake e questo inganno è stato svelato in tempo zero dal debunker David Puente su Open.

nicolai lilin post danilov fake
Il post su X di Nicolai Lilin con il video fake di Danilov (link al post)

Siamo sicuri che la figuraccia non fermerà Lilin dal continuare a portare avanti la sua linea filo-putin, anche perchè lo scrittore è candidato nelle file del nuovo partito propagandista di Michele Santoro “Pace, Terra e Dignità”. Sulla pace ho qualche dubbio, sulla terra non ho ancora capito cosa c’azzecchi e sulla dignità dopo questa non parliamone proprio. Lilin è una delle punte di diamante delle candidature di Santoro, è un personaggio seguito (certo con un suo seguito tutto particolare, ma tant’è) e la sua propaganda sembra essere proprio alla base della lista per le europee 2024. Odio per l’Ucraina, odio per l’occidente, vi stanno mentendo tutti, vi dico io quello che gli altri vi vogliono nascondere. Perdonatemi la semplificazione, ma non è che su X Nicolai Lilin parli di qualcos’altro.

D’altronde il fil rouge di Nicolai Lilin sui suoi social è quello della propaganda sparata ad alzo zero, possiamo infatti leggere sempre su X gli ultimi suoi post:

“La Corea del Nord non crede nella storia del massacro di Bucha”;
“Un soldato russo stringe la mano a un soldato ucraino catturato per tranquillizzarlo, affinché non avesse paura.”;
“La censura sta distruggendo l’Occidente.” (intesa ovviamente della terribile censura occidentale);
E così via in un vortice di propaganda russa da far girare la testa.

Quello che Lilin non dice

Quello di cui Lilin non parla, ma come lui tutti i propagandisti filorussi, però è tutta un’altra cosa. Proprio ieri, 22 Marzo 2024, lo stato terrorista russo ha scaricato sull’intera Ucraina centinaia di munizioni per colpire le infrastrutture energetiche del paese, per annientare direttamente i cittadini ucraini. Quello che Lilin non dice, è che dietro alle più grandi stragi terroriste degli ultimi due anni non c’è nè l’ISIS, nè tantomeno l’Ucraina, ma proprio la russia. Il metodo terrorista che ieri è stato usato dall’ISIS nell’attentato al teatro di mosca sarebbe in realtà proprio il marchio di fabbrica dello stragista putin. Le uccisioni a sangue freddo, i massacri di civili, la distruzione è proprio quello che il sistema russo ha esportato (solo di recente perchè la lista sarebbe lunga) a Bucha, a Irpin, a Mariupol. E purtroppo non solo lì.
Quello che Lilin non dice, e che non ammetterà mai nemmeno di fronte all’evidenza, è che i terroristi e gli stragisti sono proprio i russi. E non riportare queste cose, oppure pensare che siano normali atti di guerra, non rendono i massacri meno gravi, non restituiscono le vite rubate agli innocenti civili. Diffondere volontariamente fake news non trasforma necessariamente una menzogna in verità, semplicemente vi fa apparire ancora più complici.

Potrebbe interessarti anche
Scandaloso: Film russo Il testimone a Foligno con il patrocinio del comune
foligno film russo il testimone

A Foligno, in Umbria, il film russo di propaganda Il testimone sarà proiettato con il patrocinio del comune.

Milano si conferma culla degli eventi filorussi, ci sarà anche un elogio a Darya Dugina
milano evento spazio ritter darya dugina

Ennesima conferenza filorussa a Milano, questa volta ci sarà un elogio a Darya Dugina, figlia del filoso nazionalista russo Dugin morta nel 2022.

Il film russo Il testimone sarà proiettato a Lamezia Terme

Il film russo di propaganda anti Ucraina Il testimone sarà proiettato a Lamezia Terme il 17 Febbraio 2024. Deve essere fermato.

Lettera aperta al sindaco di Foligno in merito al patrocinio del comune per la proiezione del film russo Il testimone
lettera aperta sindaco foligno film russo il testimone

Lettera aperta di Stand for Ukraine al sindaco di Foligno in merito al patrocinio del comune per la proiezione del film russo Il testimone